Alla scoperta del Monferrato in provincia di Alessandria

Alla scoperta del Monferrato in provincia di Alessandria

Eccoci con un altro appuntamento della rubrica L’Italia dei Picnic, un viaggio in Italia attraverso le più suggestive aree picnic del paese!

Nel nostro primo articolo vi abbiamo parlato di Proceno e Bolsena, due splendide località del viterbese nei pressi del Lago di Bolsena.
Questa volta ci sposteremo un po’ più a Nord, nella provincia piemontese di Alessandria.

Curiosi? Andiamo subito a scoprire di che si tratta!

Picnic in provincia di Alessandria alla scoperta del Monferrato

Ci troviamo nella splendida provincia di Alessandria, a solo un’ora di macchina dal capoluogo piemontese.
Più precisamente nel Monferrato, un territorio collinare caratterizzato da distese di vigneti a perdita d’occhio e decine di antichi castelli che sbucano tra le dolci colline.
Immaginate che passeggiate meravigliose si possono fare in questi luoghi, circondati in ogni angolo da natura e storia!

Ma andiamo ancora più a fondo: di seguito vi parleremo di due località molto vicine tra loro dove potersi concedere dei rilassanti picnic nel verde tra una passeggiata e l’altra alla scoperta della storia del luogo.

Ozzano Monferrato

Ozzano Monferrato

Ozzano Monferrato si trova a soli 30 min di macchina da Alessandria. Si tratta di un borgo tanto piccolo quanto ricco di bellezze da scoprire.
Collocato su di una collina, il profilo di Ozzano Monferrato è dominato dal Castello Visconti e dalla torre campanaria di San Salvatore.

Il Castello di Ozzano di Monferrato

Giardini pensili

Le origini del castello sono molto antiche, risalgono a prima del 1164 anno in cui Federico Barbarossa decise di donarlo alla famiglia dei marchesi di Monferrato, i quali lo elessero a loro personale dimora estiva.
Negli anni furono moltissime le lotte per la conquista di questo baluardo e altrettante le famiglie passate tra le sue stanze.
L’ultima, quella dei Visconti, ne detiene ancora oggi il possesso.
In origine la struttura era protetta da mura di cinta, in seguito abbattute per renderla definitivamente una dimora familiare.

Passeggiata tra i giardini pensili del Castello Visconti

Gioiello naturale del castello è il giardino all’italiana che si sviluppa a partire da un cortile interno fino ad arrivare ad affacciarsi sulle mura della rocca, diventando così un vero e proprio giardino pensile organizzato per “stanze”.
Un giardino formale, dallo stile tardo-rinascimentale con spazi geometricamente definiti e sculture vegetali davvero affascinanti.
Qui dentro inoltre è custodito un esemplare pluricentenario di Cedro del Libano, con il suo tronco di circa 2 metri di diametro!

La chiesa di San Salvatore

La chiesa di San Salvatore ha anch’essa origini molto antiche, viene infatti già citata negli estimi vercellesi del 1299.
Si tratta di un’architettura sacra molto particolare, affiancata da un campanile alto circa 20 mt staccato dal corpo della chiesa e appoggiato ad una parete tufacea.
È ricchissima di affreschi sacri databili attorno al 400 e 500 tra cui quelli ritraenti San Martino di Tours, il martirio di Sant’Agata e San Giovanni Battista.

Dopo aver visitato le vie del centro storico basterà spostarsi di pochi metri per raggiungere l’area picnic di Ozzano Monferrato con tavoli, panche, barbecue e giochi per bambini. L’ideale per concedersi una pausa prima di tornare a visitare la zona del Monferrato alessandrino.

Casale Monferrato

30 km più a nord di Alessandria troviamo invece Casale Monferrato, capoluogo dell’antica regione piemontese del Monferrato.
Si tratta del secondo comune più popolato della provincia, ricchissimo di luoghi da scoprire e visitare.
Tra le più belle e particolari troviamo le straordinarie architetture barocche come la Sinagoga, i Palazzi Gozani, la Chiesa di Santa Caterina e molto altri ancora.
Da non perdere è anche la visita al Castello di Monferrato, edificato nel 1357 a difesa della città.

La Sinagoga di Casale Monferrato

Sinagoga Casale Monferrato

La Sinagoga di Casale Monferrato è una vera gioia per gli occhi dei visitatori!
Vedendola da fuori, con una facciata anonima e priva di decorazioni ( com’era imposto agli ebrei fino allo Statuto Albertino), non ci aspetta la travolgente bellezza del suo interno. Il barocco piemontese è ovunque, dagli arredi alle più piccole decorazioni!
Nei piani superiori, quelli dedicati al matroneo, è ospitato il Museo degli Argenti, uno tra i più grandi Musei di Arte e Storia ebraica d’Europa.

Il castello dei Paleologi

Una struttura talmente imponente da non poter essere notata. Il castello di Casale Monferrato è conosciuto come Castello dei Paleologi in quanto edificato nella metà del ‘300 da Giovanni il Paleologo marchese di Monferrato.
Ad differenza degli altri castelli della zona, per lo più sfarzose dimore, questa struttura nasce prettamente a scopo bellico. Di fatti, oltre alle possenti mura esagonali, è importante notare il fossato che ne circonda il perimetro.
Attualmente nelle sue stanze vengono ospitate numerose mostre, mentre nel cortile vengono spesso organizzati spettacoli dal vivo.

Castello Casale Monferrato

Dopo aver visitato le vie di Casale Monferrato e le sue numerose architetture storiche è finalmente l’ora di concedersi un picnic nella natura. Nelle immediate vicinanze, a soli 17 min in macchina, è possibile arrivare all’area attrezzata di Coniolo, immersa nel parco del Po’.

Se vi trovare nella storica regione del Monferrato in provincia di Alessandria, Ozzano e Casale Monferrato sono due luoghi assolutamente da non perdere. Natura e storia per una splendida giornata fuori porta.